martedì 10 ottobre 2017

Lo sposo si vendica della futura moglie e mostra il video del tradimento di lei agli ospiti del loro matrimonio.




     Di sicuro in tanti anni di carriera da Investigatore Privato a Roma  l'invito al matrimonio non mi è mai arrivato...., ma il fatto che la relazione e tutte le prove del tradimento siano state usate per altri scopi e non quelli utili per difendere e far vale un proprio diritto in Tribunale, quello sì...è successo a anche svariate volte..

     Dal Cliente che riuniusce entrambe le famiglie e a conclusione del pranzo proietta, tra l'imbarazzo di tutti, le prove della infedeltà della moglie su maxi schermo con tanto di rissa finale..... è successo!!

     Dalla moglie che fa recapitare le prove del tradimento del suo coniuge al marito della amante, scatenando l'inimmaginabile....

   Potrei continuare per ore a raccontarvi fatti simili a quello dell'articolo, ma per quanto possiamo condividere il gesto, lo sfogo e per quanto possiamo immedesimarci nella persona e in quello che possa essergli passato per la mente, va sempre tenuto a mente che è un reato penale la divulgazione di una relazione che l'Investigatore Privato consegna al proprio Cliente.

La relazione investigativa infatti serve solo ai fini di un eventuale processo al fine di divendere e far valere un proprio diritto in Tribunale, senza ledere la dignita e la moralità di nessuno, in sintesi senza violare la privacy di nessuno.

   Per quanto mi duole ammetterlo, anche se la notizia mi ha strappato un sorriso, è profondamente sbagliato ciò che è stato fatto.

Ma si sà, di fronte a certe situazioni la razionalità viene meno..

                         Massimiliano Altobelli - Investigatore Privato a Roma




Lo sposo si vendica della futura moglie e mostra il video del tradimento di lei agli ospiti del loro matrimonio.


Baci ed effusioni sono stati interrotti da un'immagine inaspettata: la sposa, in compagnia di un altro uomo, diretta verso un  albergo.




Il sospetto di un tradimento si era insinuato da qualche tempo nella sua testa, così aveva chiesto a un'investigatrice privata di seguire la compagna. Dopo sei settimane di pedinamenti, i dubbi vennero confermati, con tanto di materiale video che mostrava la donna in atteggiamenti intimi con un altro uomo.
Dopo aver consegnato i filmati, l'investigatrice rimase sorpresa quando qualche tempo più tardi ricevette dal suo cliente un invito per il matrimonio, ma tutto si sarebbe aspettata tranne di vedere proiettati su uno schermo gigante, in una sala gremita di ospiti, i video da lei girati.
I media locali non raccontano se infine il matrimonio abbia avuto lo stesso luogo e il futuro sposo si sia accontentato di umiliare la partner, per poi perdonarla. Potrebbe essere il giusto finale inaspettato per una vicenda già ricca di colpi di scena.
Fonte: huffingtonpost.it